Sempre di corsa

Ultimamente il tempo pareva impazzito, sempre di corsa, in piena accelerazione. Lei riusciva solo ad accorgersi che era passato, spesso a ore di distanza, era sempre indietro, era sempre troppo tardi.  Non viveva l’istante, bensì gli guardava il fondoschiena mentre strafottente si allontanava a passo deciso.
Ci voleva un atto di ribellione, così dopo essersi lavata e messa il pigiama si sedette sul letto, col busto rivolto verso l’orologio analogico appeso alla parete e
chiuse gli occhi. Liberò la mente cercando di colorare tutto di bianco. Il bianco, si sa, dà luce, fa sembrare tutto più ampio, crea spazio.
Stette così, ferma ad ascoltare il ritmo regolare del suo respiro e una volta trovata la calma si permise di dare lei ordine allo scorrere del tempo, decidere quando e come dovevano muoversi le lancette. Senza fretta.
Quando si sentì pronta riaprì gli occhi, e notò con soddisfazione una discrepanza tra il tempo da lei stimato e quello indicato sul muro, il mondo era indietro di 4min rispetto a lei. Certamente l’avrebbe facilmente recuperata, ma era riuscita a guardarlo in faccia e poteva andare a dormire tranquilla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...