Sono le sette e undici minuti!

La sveglia.
..no”.
La testa repentinamente scivola sotto al cuscino, le braccia piegate per portare i palmi delle mani a chiudere il padiglione auricolare.
Comincia ad affiorare la percezione del mondo esterno, i muscoli vibrano, fa freddo. “Dov’è la coperta?” Ginocchia flesse schiacciate sul petto, schiena ricurva, posizione fetale per dissipare il minor calore possibile.
Dalla cucina come un dolce abbraccio mi raggiunge e mi avvolge l’odore del caffè. La pelle della faccia si stiracchia in una specie di sorriso. “..yaaawn!” Quale motivazione migliore per alzarsi dal letto.
La punta del piede sinistro a saggiare il pavimento nella vana speranza di non trovarlo e di scoprire con immenso rammarico di dover rimanere intrappolata a letto tutta la mattina. Ma il pavimento c’è, fedele come sempre.
Sul tavolo della sala da pranzo un vassoio con una tazzina capovolta, un cucchiaino e un bricco di latte. Perfetto, un buon caffè e si comincia!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...